Imprese: sempre più difficile ottenere credito

credito alle impreseLa cronica difficoltà ad accedere a linee di credito da parte della clientela business italiana rischia di acuirsi ulteriormente nel corso dei prossimi mesi.

Per le piccole imprese è oramai divenuto quasi impossibile ottenere finanziamenti di sostegno al circolante o ai progetti di medio lungo termine: i pochi crediti concessi, sono erogati a fronte del rilascio di garanzie dei consorzi di garanzia fidi o, comunque, a condizioni economiche tutt’altro che sostenibili.

A parlare di questo, e tanto altro, è stato anche l’Osservatorio nazionale sul credito delle Pmi, condotto da Rete Imprese Italia, secondo cui nel corso del terzo trimestre 2012 il credito erogato avrebbe subito una nuova – l’ennesima – riduzione.

In base a quanto affermato dall’Osservatorio, nel periodo considerato, rispetto al trimestre precedente, la percentuale delle piccole imprese che hanno richiesto formalmente alla propria banca un nuovo prestito, o la rinegoziazione di una linea di credito preesistente è stata pari al 15,4 per cento, contro il 21,7 per cento del trimestre precedente.

Particolarmente significativa anche la quota di imprese che ha visto accordare un credito di importo inferiore rispetto a quanto inizialmente richiesto, così come è in crescita la quota di imprese che si sono viste rifiutare la propria domanda di credito. Complessivamente, l’area del credit crunch appena delineato avrebbe riguardato il 35,8 per cento delle piccole imprese, contro il 36,4 per cento del secondo trimestre.

Infine, l’Osservatorio segnala come siano incrementate le percentuali di operatori imprenditoriali che non riescono a fare adeguatamente fronte al proprio fabbisogno finanziario: le imprese in difficoltà nell’effettuare regolarmente i propri pagamenti sono infatti passati a quota 41 punti percentuali contro i 33,7 punti percentuali del secondo trimestre.

Il peggio potrebbe inoltre non esser ancora arrivato: per il 2013 si prevedono ulteriori aggravi delle condizioni di sostenibilità delle mid e small corporate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *