Realizzare una rivista professionale

Realizzare una rivista professionaleLe riviste hanno lo scopo di fornire informazioni significative per i lettori: sono caratterizzate da scadenze settimanali, mensili, bimestrali, semestrali o annuali, e sono acquistate dal cliente per tenersi aggiornati, acquisire competenze o per soddisfare la propria curiosità.

Le riviste si trovano di solito nelle edicole e nelle librerie.

Se l’intenzione è quella di iniziare a stampare una rivista, magari per dar voce alle proprie idee o per essere presenti in un dato territorio coadiuvando in questa maniera i propri sforzi nel marketing, vanno prese in considerazione diverse variabili.

Prima di tutto infatti bisogna selezionare il target e segmentarlo, cercando di capire se la rivista dovrà avere un’impostazione business o per “consumatori”.

Qual è la differenza? Le riviste per i consumatori sono destinati al grande pubblico, e trattano argomenti che corrispondono agli interessi generici della popolazione, spaziando dalla musica, ai computer, alle questioni politiche.

Le riviste professionali o di business sono in genere invece interessanti solo per una nicchia di persone: se l’utenza è senz’altro più ristretta, è anche sicuramente più interessata a tutte le informazioni pubblicate.

Una volta presa questa decisione bisogna decidere per la tipografia ottimale, selezionandola fra quelle offerte dal mercato. Poiché una stampa di riviste di business è interessante se la rivista deve essere uno strumento che caratterizza la nostra esperienza e la nostra azienda, sarà bene scegliere uno stabilimento tipografico che presenti varie caratteristiche e che ci consenta di avere una stampa professionale: parliamo ad esempio delle strumentazioni, che devono essere sempre aggiornate e al passo con i tempi, visto che macchinari moderni significano ad esempio foto di qualità e profondità migliori (e le foto attirano sempre l’attenzione del lettore), ma anche output con meno errori e in generale un prodotto più soddisfacente e appagante, sia per l’investitore che per il pubblico finale.

Scelta la tipografia, sarà bene prestare attenzione alle opzioni offerte per la produzione della rivista vera e propria. Prima di tutto, esiste un servizio di prestampa per controllare il tutto prima di cominciare a produrre la rivista (parliamo ad esempio di font, impaginazione, colori)?

Per una stampa professionale dovremo occuparci della definizione dei formati finiti (in pratica le dimensioni della rivista), della tipologia di carta da utilizzare (patinata lucida o opaca con grammatura variabile, carta riciclata etc…), dell’allestimento generico (con punto metallico su dorso o con brossura cucita a filo) e di quello della copertina (plastificazione lucida o opaca, verniciatura UV lucida, cellophanatura singola, applicazione indirizzi e un’altra serie infinita di variabili).

Una volta definite queste variabili sarete pronti a stampare professionalmente la vostra rivista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *